E' un movimento rapido, abitudinario, ma rallentato in qualche modo dalla furtività, una fretta che impaccia.
Le mani, normalmente sicure e avvezze a quel gesto quotidiano, inciampano come incerte, perdendo secondi in realtà affatto preziosi. Eppure gli occhi si muovono repentinamente per verificare se l'attenzione dei compagni di avventura sia stata in qualche modo attirata su di sé.

Abbiamo bisogno di voci coraggiose di eroi comuni che si oppongano all'ingiustizia e alla repressione", questo è l'invito di Salil Shetty, Segretario Generale di Amnesty International in apertura dell'ultimo numero della rivista trimestrale della nota organizzazione umanitaria. Aggiungerei a questa accorata richiesta, oltre alle voci coraggiose, il bisogno di mani, altrettanto impavide.

La madre lo racconta benissimo. E la platea numerosa e attenta, ammutolisce, fino a trattenere quasi il respiro.
In quell’ultima fotografia scattata dal figlio pochi istanti prima di essere ucciso, il viso ritratto del suo amico, che seguirà la sua stessa atroce fine, non esprime paura ma preoccupazione, non ansia per sè stesso, per la morte evidentemente imminente, ma apprensione, quasi tenerezza per la sorte dell’amico che eroicamente continua fino alla fine a testimoniare la violenza e l’orrore di quei luoghi, come meglio sa fare, impugnando la macchina fotografica.

Sarebbe stata per certi versi una settimana fortunata. E' capitato infatti nei giorni scorsi, per una combinazione di buone stelle, di vedere i frutti di lunghe fatiche collettive e di preghiere più o meno laiche, ma decisamente efficaci e tempestive abbastanza per evitare, qualche volta, che le sventure iniziali degenerassero in danni irreparabili. 
Per chi si occupa, in qualsiasi forma, di violazioni di diritti umani la riparazione dei torti è fortuna rara e comunque spesso non completa: quasi sempre è inevitabile che le vittime non ne escano comunque indenni.

Vede la videocamera ed esplode di frenetica gioia ed infantile narcisismo. Letteralmente la insegue, ci si piazza davanti offrendo il suo sorriso sdentato eppure perfetto e regala la sua intervista al mio amico giornalista. Pietro ed io siamo appena entrati nella Chiesa delle Gianchette, a Ventimiglia, per verificare e raccontare le condizioni di vita dei profughi all'indomani dall'ennesima tragedia consumatasi in questa terra di confine in cui ha perso la vita un minore sudanese inghiottito dalla corrente, dall'indifferenza (e dal disprezzo) istituzionale.

©2021 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200 |

Creazione Sito: Genova Informatica

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo