Tribunale di Genova, Sentenza del 26 Febbraio 2019

 

"Non si è riusciti, allo stato, a stabilire se le violenze ed i traumi derivano dalle percosse subite da parte dei familiari del marito, da un percorso di tratta e di sfruttamento, o da entrambi (vicende che potrebbero essere tra loro collegate). Nell'uno come nell'altro caso, vi è un verosimile e concreto rischio che un rientro in patria possa integrare il pericolo di nuove gravi violenze, nell'impotenza, al momento, di ricorrere ad una protezione statale.

Tribunale di Genova, Sentenza del 19 Febbraio 2019

La situazione del paese di origine sopra descritta, valutata complessivamente ed unitamente alla situazione personale del richiedente ed ai suoi problemi di deficit cognitivo, evidenzia i presupposti per ottenere il permesso  di soggiorno per motivi umanitari, ai sensi del previgente art. 5 comma 6 D. L.vo  286/98.

Tribunale di Genova, ord. 12 gennaio 2018

 

"Si ritiene tuttavia che la situazione politica del Gambia resti assai delicata nonostante il menzionato cambio di vertice alla guida del paese: l’operato del nuovo Presidente, infatti, anche se si ipotizza possa essere positivo in termini di sicurezza e stabilità, non è al momento ancora valutabile con certezza.
Per questi motivi, si ritiene che nel caso di specie possa trovare accoglimento la domanda di protezione umanitaria considerato altresì che il ricorrente ha iniziato un percorso di integrazione svolgendo attività lavorativa di saldatore presso la società xxxxxx  sita in Campo Ligure come da documentazione prodotta in udienza (contratto e buste paga).

 

Scarica l'ordinanza

 

Tribunale di Genova 13 luglio 2020

"Nel ritenere la posizione del richiedente rientrante nell’ambito di applicazione dell’art. 5 comma 6 cit., occorre tenere conto:

a) della storia personale, che – seppur come visto non riconducibile alle maggior forme di protezione – lo porta suo malgrado a lasciare il proprio Paese contro la sua volontà in condizioni di grave sofferenza ed in giovanissima età (soli 16 anni), dopo aver visto morire i due fratelli ed essere stato minacciato e torturato. La sua posizione all’epoca dei fatti ed all’attualità integra una situazione di forte vulnerabilità.

©2020 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo