STATUS DI RIFUGIATO A CITTADINO DEL MALI: in Mali, il ricorrente sarebbe costretto ad occultare il proprio orientamento sessuale o verrebbe imputato di essere omosessuale ed esposto al rischio di atti violenti,

Tribunale di Genova 19 gennaio 2021

Non vi è dubbio quindi che il richiedente, in caso di rientro nel proprio Paese, sarebbe soggetto ad atti di persecuzione per la manifestazione del proprio orientamento sessuale;

oppure, sarebbe costretto ad occultarlo; oppure gli verrebbe imputato di essere omosessuale per gli eventi verificatesi, il che integra pur sempre – secondo la stessa Giurisprudenza della Corte di Giustizia UE – un atto di persecuzione. Sarebbe inoltre esposto al rifiuto sociale e al rischio di atti violenti nei suoi confronti.
Alla luce di tutto quanto sopra esposto deve riconoscersi all’odierno ricorrente lo status di rifugiato ai sensi dell’art. 1A della Convenzione di Ginevra.

Scarica il provvedimento

©2021 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200 |

Creazione Sito: Genova Informatica

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo