Cassazione (Mali): la situazione interna del paese d'origine è soggetta a variazioni e va accertata all'attualità (cfr. 28990/18) e non alla data della domanda di protezione internazionale

Corte Suprema di Cassazione 2 ottobre 2020 

(...)il giudice del merito non può, pertanto, limitarsi a valutazioni solo generiche ovvero omettere di individuare le specifiche fonti informative da cui vengono tratte le conclusioni assunte, potendo in tale ipotesi la pronuncia, ove impugnata, incorrere nel vizio di motivazione apparente (nn. 9230/20 e 13897/19).

Nella specie tale accertamento istruttorio è mancato, poiché la Corte d'appello ligure si è limitata a disattendere il riferimento operato dalla difesa dell'appellante ad un report EASO sul Mali; per poi affermare, senza tuttavia, dimostrare mercé l'indicazione di fonti alternative qualificate, ai sensi dell'art. 8, terzo comma, D.Lgs n.25/08, che la zona di provenienza del richiedente non risultava coinvolta in alcun conflitto.

Né rileva, infine, la circostanza che, stando a quanto accertato dalla Corte d'appello (v. pagina 7  sentenza impugnata), lo stesso richiedente avrebbe dichiarato che nella sua regione di provenienza non vi era in atto alcun conflitto armato. In disparte l'indisponibilità del relativo dato fattuale in un procedimento informato all'officiosità dell'iniziativa istruttoria, è sufficiente rilevare che la situazione interna del Paese d'origine del richiedente la protezione è soggetta a variazioni e va accertata all'attualità (cfr. 28990/18), e non alla data della domanda o dell'ingresso del richiedente nel territorio dello Stato d'accoglienza".

 

Scarica la sentenza

©2021 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200 |

Creazione Sito: Genova Informatica

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo