PROTEZIONE UMANITARIA A CITTADINO PAKISTANO: Appare frettoloso e non condivisibile il provvedimento che riconduce la partenza alla precarietà economica senza tenere conto della realtà del Pakistan.

Tribunale di Genova 16 giugno 2020

"Appare invece frettoloso e non condivisibile il provvedimento nella parte in cui riconduce la partenza del richiedente unicamente a motivazioni private, in situazione di precarietà economica, ben più complesso essendo il motivo che spinge il richiedente a lasciare il proprio Paese, tenendo conto della realtà del Pakistan in Punjab, delle sue condizioni familiari e della sua vicenda personale.


Alla luce del racconto riportato vista anche la documentazione pervenuta nelle more si ritiene debba riconoscersi in capo al ricorrente il diritto alla protezione per motivi umanitari.

Scarica il provvedimento

 

©2021 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200 |

Creazione Sito: Genova Informatica

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo