"La diffusa povertà nel Burkina Faso, causa anche di instabilità socio-politica, repressa con un uso eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza, giustifica la concessione del permesso umanitario"

Tribunale di Genova, provvedimento 4 giugno 2018

"Si deve poi considerare che il Burkina Faso è un paese connotato da una diffusa povertà
con conseguente instabilità ed insorgenza di conflitti socio politici, tendenza alla repressione
ed alla riduzione dello spazio politico, con ricorso all’eccessivo della forza da parte delle
forze di sicurezza al fine di reprimere le manifestazioni e proteste pacifiche della
popolazione (cfr. Rapporto Annuale di Amnesty International – prod. 6 del ricorrente).


Ritiene quindi il Tribunale che meriti accoglimento la domanda del ricorrente di concessione
del permesso di soggiorno per motivi umanitari, considerata, da un lato, l’attuale difficile
situazione economica e socio-politica del Burkina Faso (facendo rientro nel quale il
ricorrente si ritroverebbe nella stessa drammatica situazione materiale che lo ha indotto ad
uscirne) e, dall’altro, il fatto che il signor xxxxxx ha dimostrato di aver
intrapreso in Italia un buon percorso di integrazione sociale.
Si ritiene pertanto sussistere una situazione meritevole di tutela umanitaria e,
conseguentemente, il provvedimento impugnato della Commissione Territoriale per il
riconoscimento della protezione internazionale di Torino -Ufficio territoriale del Governo di
Genova, deve essere annullato in parte qua e deve essere ordinata – ex art. 32 comma 3 del
d. lgs. 2008/25 - la trasmissione degli atti al Questore per l’eventuale rilascio del permesso
di soggiorno ai sensi dell’art. 5, comma 6 del decreto legislativo 25 luglio 1998 n. 286.

Scarica il provvedimento

©2020 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo