Tribunale di Genova, ord. 29 gennaio 2018

"La situazione personale del ricorrente e più in generale la sopra descritta e ricostruita situazione socio politica della Guinea, non consentono tuttavia di ritenere sussistenti nel caso di specie i presupposti per il riconoscimento al ricorrente dello status di rifugiato o di protezione sussidiaria ex art. 14 del d.lgs. 2007 n. 251 (nelle accezioni precisate in premessa); le relative domande del ricorrente devono essere pertanto respinte.

Tribunale di Genova, ord. 29 gennaio 2018

"Alla luce di tutto quanto sopra appare verosimile che il ricorrente si sia trovato nella necessità di lasciare il Bangladesh non solo per sfuggire alle minacce ricevute, ma per reperire altrove un’attività lavorativa idonea a consentirgli di mantenere se stesso ed il proprio nucleo familiare. La specifica situazione del ricorrente risulta quindi meritevole di protezione, che si ritiene di individuare nella specie in quella umanitaria.

 

Tribunale di Genova, ord. 31 gennaio 2018

"Valutato il buon comportamento tenuto in Italia dal richiedente sulla base delle risultanze in atti (non risultano precedenti penali, né pendenze presso la Procura di Genova), la condizione di vulnerabilità dovuta alla sua giovanissima età, alle esperienze traumatiche vissute in Libia (dove è stato prima ingiustamente ristretto in carcere e quindi ridotto in stato di schiavitù, costretto a lavorare gratuitamente di giorno e obbligato a rientrare di notte in carcere) e alla mancanza di legami affettivi nel Paese d’origine, si reputa sussistere una situazione di vulnerabilità che dà diritto ad ottenere il permesso di soggiorno per motivi umanitari ai sensi dell’art. 5 comma 6 d.lgs. 286/98. Gli atti vengono a tal fine trasmessi al Questore competente per territorio."

 

Scarica l'ordinanza

 

Tribunale di Genova, ord. 23 gennaio 2018

"Egli infatti, come emerge dall’ampia documentazione prodotta, ha collaborato attivamente alle occasioni di reinserimento a lui offerte dagli enti locali e dalle associazioni del volontariato genovese, impegnandosi fin da subito nello studio della lingua italiana, come dimostrato anche nel corso dell’odierna udienza, ove è risultato in grado di comprendere e parlare la lingua italiana, essendosi infine anche iscritto, per l’anno scolastico 2017/2018, al corso per l’ottenimento della licenza media.

 

Tribunale di Genova, ord. 17 gennaio 2018

"Appaiono invece sussistere motivi di carattere umanitario, tali da ritenere necessaria la protezione prevista dall’art. art. 5 comma 6, del d. lgs. 1998 n. 286, atteso che dalla documentazione prodotta anche in udienza risulta che il ricorrente sia ben integrato in Italia sotto il profilo sociale, con lo studio della lingua italiana – avviato con discreto successo essendo riuscito a comprendere e rispondere nella parte conclusiva dell’audizione giudiziaria – e con lo svolgimento di attività lavorativa retribuita avviata fin dal 2016 e tutt’ora in corso come lavapiatti nello stesso ristorante di xxx  denominato xxxx e poi xxxxx, come da documentazione in atti, sulla autenticità e regolarità della quale il PM, parte in causa, non ha avuto nulla da eccepire.

©2021 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200 |

Creazione Sito: Genova Informatica

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo