PROTEZIONE UMANITARIA A CITTADINO NIGERIANO: L'invivibilità dell'area di provenienza vanificherebbe l'ottimo percorso di inserimento ed integrazione del ricorrente

Tribunale di Genova 9 Gennaio 2020

Ciò posto, occorre tenere conto:
- della storia personale, con grave violazione di diritti fondamentali, che lo porta a lasciare il Paese all’età di soli 16 anni, insieme alla propria madre, che vedrà morire in Libia (si rinvia a quanto detto sopra). La relazione psicologica del FAMI (progetto Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione) evidenzia ancor oggi un profondo stato di malessere riconducibile alle riferite esperienze. - delle condizioni di invivibilità dell’area di provenienza: va rilevato difatti che “la situazione in Nigeria suscita grande preoccupazione” secondo il dipartimento degli Stati Uniti. Nel Global Terrorism Index – GTI (indice del terrorismo globale) 2016, la Nigeria è classificata al 3° posto ed uno dei cinque paesi responsabili del 72 % di tutte le morti di terrorismo nel 2015.


Ulteriori fonti ufficiali segnalano la presenza di episodi di violenza tra le varie comunità etniche (cfr. Rapporto E.A.S.O. sulla Nigeria del giugno 2017 – www.easp.europa.eu), rappresentando che vi è stato un incremento degli episodi di violenza. Il livello di delinquenza (soprattutto legata all’attività criminale di gruppi cult) è tale che vi sono state ben 120 morti violente nel solo Edo State, area di provenienza del richiedente, nel periodo gennaio – settembre 2019.
- dell’ottimo percorso di inserimento ed integrazione nel tessuto economico, sociale e culturale italiano: arrivato in Italia ancora minorenne, ******** ha frequentato i corsi di lingua, ha poi conseguito il diploma di terza media (tanto da sostenere l’audizione in udienza prevalentemente in lingua ITALIANA, con limitati interventi dell’interprete), è pienamente integrato nel contesto locale (v. relazione del *****, prod, n. 6, e articolo di giornale che lo riguarda, prod. n. 15), lavora infine con contratto di lavoro a tempo determinato come manovale –
addetto alla manutenzione.
Un percorso che verrebbe vanificato in caso di rientro forzato in Nigeria. In tale situazione, se il richiedente tornasse nel suo Paese, incontrerebbe non solo le difficoltà tipiche di un nuovo radicamento territoriale ma si troverebbe in una condizione di specifica ed estrema vulnerabilità, idonea a pregiudicare la sua possibilità di esercitare i diritti fondamentali, legati anche solo alle scelte di vita quotidiana.

 

Scarica il provvedimento

©2020 Avv. Alessandra Ballerini - C.F. BLLLSN70S63D969O Via XX Settembre 29/11 16128 Genova - Tel. 010.5954200

Usiamo i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo